La processionaria e i cani: rischi, pericoli e rimedi Nessuna valutazione ancora

La processionaria e i cani: rischi, pericoli e rimedi

La processionaria è un lepidottero molto diffuso che oltra a infestare pini, querce e altre piante comuni, presenta dei peli urticanti, soprattutto nello stato larvale che possono essere una grave minaccia per l’uomo e per molti animali. In particolare, rappresenta un vero pericolo per i cani. Infatti, basta il semplice contatto per procurare problemi seri alla salute dell’amico a quattro zampe.

La disinfestazione di giardini, parchi e altri zone dove la processionaria dimora è fondamentale per prevenire qualsiasi infezione dannose per gli animali e l’uomo. A tal fine l’intervento di operatori qualificati, che mettono in atto piani di lotta alla processionaria innovativi ed efficaci può aiutare a debellarla in modo definitivo e rendere più sicura la vita dei cani e dei loro padroni.

Dinisfestazioni.co propone servizi professionali qualificati contro la processionaria e ogni altro tipo di infestante, diretti a bonificare perfettamente le aree contaminate nel massimo rispetto dell’ambiente e secondo le norme di legge. Guarda come avviene una disinfestazione processionarie

Che pericoli porta la processionaria?

La processionaria è un insetto dell’ordine dei lepidotteri, che prende il nome dalla particolare caratteristica degli esemplari che si muovonno sul terreno in fila, formando una specie di “processione”. Esistono oltre 40 specie di tale parassita, le più diffuse in Italia sono:

  • la Thaumetopoea pityocampa (processionaria del pino)
  • la Thaumetopoea processionea (processionaria della quercia).

La processionaria del pino è tra i parassiti la più distruttiva in quanto capace di privare di ogni foglia le piante di intere foreste. In particolare, essa colpisce i pini, il nero e il silvestre in particolare, ma anche larici e cedri. Attiva solo nei periodi freddi dell’anno, trascorre quelli estivi seppellita nel suolo, sotto forma di bozzolo.

Vedi anche  Disinfestazione Cimici da Letto con Azoto Liquido

Nel mese di agosto le falene escono dal terreno per trovare alberi adatti dove deporre le uova. Ogni femmina depone un ammasso con almeno 300 uova, dalle quali nascono dopo quattro settimane le larve.

Quest’ultime appena nate sono dotate di mandibole talmente forti che riescono a fagocitare i duri aghi dei pini e spogliarli completamente. I bruchi vivono e si spostano in gruppo costruendo nidi provvisori, solo verso ottobre si fermano in uno per affrontare l’inverno. Trascorso questo periodo in primavera riprendono la loro attività, per poi trovare un albero dove tessere il bozzolo alla fine di maggio.

Contatto tra cane e processionaria: rischi gravi

La processionaria e i cani: rischi, pericoli e rimediLa processionaria infesta aree verdi pubbliche e private, i cani che sono molto curiosi, tendano ad annusare gli ambienti alla ricerca di tracce di altri animali e di suoi simili. Se accidentalmente hanno un semplice contatto con la processionaria o ingeriscano i peli urticanti, si potrebbero innescare reazioni dannose per la loro salute e nei casi più gravi anche la morte se non si interviene in tempo.

I cani entrati in contatto con il bruco della processionaria presentano un comportamento irrequieto e improvvisamente alterato. Mentre la sintomatologia varia a seconda che vi sia stato solo il contatto o anche l’ingerimento dei peli. In particolare, i sintomi di un avvelenamento grave sono rappresentati da: salivazione eccessiva cane, lingua gonfia, infiammazione della bocca, dell’esofago e dello stomaco, necrosi della lingua e della bocca, vomito, diarrea, febbre e spossatezza e mancanza di appetito.

Problematiche che se non trattate tempestivamente possono complicarsi e portare alla morte dell’animale. In caso di contagio è indispensabile portare subito dal veterinario il cane seguire un’adeguata terapia per salvaguardare la sua salute. Inoltre, nell’immediato è bene togliere la sostanza velenose dalle zone infettate per evitare che si diffonda e lavare la bocca e le zone circostanti con una soluzione di acqua e bicarbonato.

Vedi anche  Prezzi Disinfestazioni

Rimedi per il contatto del cane e la processionaria

Per prevenire ogni tipo di contagio agli amici a quattro zampe è fondamentale procedere alla disinfestazione delle zone verdi colpite dalla processionaria, rivolgendosi a operatori specializzati, che possano mettere in atto piani di lotta efficaci e rapidi per sanificare gli ambienti e renderli sicuri.

Disinfestazioni.co è un vero punto di riferimento per combattere qualsiasi tipo di infestante e in particolare la processionaria. Il suo team, competente e professionale, opera in tutta Italia e si occupa di sterminare gli insetti da aree verdi pubbliche e private, con metodi ecologici che rispettano le norme di legge italiane che obbligano a estirpare gli infestanti ma preservando le specie botaniche da essi colpiti.

Rimedi naturali contro la processionaria

I periodi di maggior diffusione dei parassiti della processionaria e in particolare delle larve è tra aprile e giugno. Nelle ore crepuscolari e notturne tendono a uscire e si trovano facilmente sui terreni. È fondamentale quando si porta a passeggiare il cane di fare molto attenzione a quello che annusa o dove si avvicina.

Un rimedio molto utile è quello di munirlo di museruola per evitare che ci possa essere contatto tra la bocca e il terreno. Logicamente se si nota la presenza dell’infestante è indispensabile allontanarsi e portare il cane a passeggiare in un altro luogo.

Se la processionaria si trova nel giardino di casa, la soluzione migliore è tenere l’animale in casa e chiamare subito una ditta specializzata, come Disinfestazioni.co che effettua interventi in 24 ore.

Gli operatori dopo aver fatto un sopralluogo, monitorano l’ambiente e mettono in atto soluzioni su misura per combattere i parassiti e neutralizzare la loro diffusione, con risultati ottimali in tempi brevi.

 
 
CHIAMA SUBITO 800593874
chiama fai click
chiama
chiama gratis e senza impegno

800593874