Blatta Orientalis: come eliminarla?

Blatta orientalis - Blatta Orientalis: come eliminarla?

La blatta nera o Blatta Orientalis sono degli insetti scuri, che con l’arrivo del caldo si possono trovare in cucina, in bagno, in giardino e in altre zone della casa. Pericolose per la salute dell’uomo e dannose per le derrate alimentari, per eliminarle è necessario ricorrere ad appositi pesticidi, ma nei casi più gravi l’unica soluzione è rivolgersi a operatori esperti, che con interventi mirati e personalizzati possano bonificare la casa in modo definitivo. Disinfestazione.co opera in tutta Italia e propone servizi di qualità nella lotta contro la Blatta orientalis, inviando disinfestatori qualificati che mettono in atto piani di lotta su misura per risolvere il problema rapidamente e nel massimo rispetto dell’ambiente.

Caratteristiche della Blatta orientalis

La Blatta orientalis è un insetto dell’ordine dei Blattodea, conosciuta come scarafaggio nero comune e diffusa in Italia. Originaria della Russia, si trova in tutto il mondo, ad esclusione dei Paesi molto freddi.

La blatta orientalis è di colore scuro, ha una lunghezza compresa tra i 25 e 33 cm, una forma appiattita e lunghe antenne filiformi. Inoltre, si caratterizza per un dimorfismo sessuale, per cui il maschio si presenta con ali normali, mentre le femmine con ali corte e atrofiche. Quest’ultime depongono nelle oniteche fino a 16 uova. Il ciclo vitale di una blatta si completa in 10/15 mesi. Le uova si trasformano in ninfa in 37 e 81 giorni, stadio che dura dalle 24 alle 140 settimane, fino a quando la blatta non diventa adulta e vivere dalle 5 alle 26 settimane.

Vedi anche  Infestazione blatte: come prevenirla in 4 mosse

La Blatta orientalis predilige le zone a clima temperato e gli ambienti umidi, mentre teme il freddo. La presenza del riscaldamento, di nascondigli e cibi in abbondanza, la porta a trova un habitat ottimale nelle abitazioni. È una specie letargica, esce dal nascondiglio nelle ore notturne, alla ricerca di cibo. Si muove strisciando e non è in grado di salire sui muri verticali. La blatta orientalis è pericolosa per l’uomo, in quanto può veicolare numerose malattie, come la salmonellosi e il colera e generare dissenteria, epatite A e poliomielite, oltre a scatenare allergie. La blatta è un insetto onnivoro e può intaccare le derrate alimentari, sulle quali trasferisce un fastidioso odore, rilasciato dalle sue ghiandole repugnatorie, feci e uova.

Rimedi per evitare infestazione di Blatta orientalis

Per evitare infestazioni di Blatte orientalis è necessario innanzitutto tenere puliti cucine, bagni e dispense con un’accurata igiene. Quest’ultima deve riguardare anche le zone dove vengono tenuti i bidoni della raccolta indifferenziata, soprattutto della parte umida. Chiudere bene i contenitori e mantenere l’area sempre pulita, evitando di lasciare rifiuti e ogni tipo di residuo di cibo. Chiudere gli scarichi di lavandini e sanitari bagno.

Gettare all’interno di queste acqua bollente per disinfettarli. Sigillare con silicone interstizi, intercapedine e ogni altro buco presente nei muri, intono agli scarichi, a porte e finestre, dove le blatte possono trovare nascondiglio. Se si vede qualche blatta in giro si possono eliminare ricorrendo a polveri che si trovano in commercio. Mentre, in caso di un’infestazione grave è meglio chiedere gli interventi di operatori qualificati, che mettendo piani di lotta efficaci possano debellarle in modo definitivo.

Metodi di disinfestazione Blatta orientalis

Uno dei metodi utili per eliminare le blatte, è quello di trattare con appositi insetticidi i punti dove gli insetti possono nascondersi e deporre le uova. Insetticida che deve essere applicato negli scarichi fognari, vicino alle tubazioni, tubi di scolo e raccordi, ma anche intorno a crepe, fessure e interstizi situate introno agli anfratti. Un valido sistema è quello di ricorrere a biocidi ad effetto snidante, come ad esempio l’estratto di piretro naturale, la tetrametrina, la d-fenotrina o l’esbiotrina. In alternative si possono utilizzare delle trappole, con esche alimentari trattate con appositi insetticidi, che una volta ingerite provocano la morte degli insetti. Le trappole adesive munite di esche sono un altro modo per attrarre le blatte contrastare la loro diffusione.

Vedi anche  Allergia agli acari, dermatite da acari, punture e morsi di acari

Piani di lotta alle blatte efficaci contro lo scarafaggio nero

La disinfestazione comprende un insieme di attività, che inizia con un sopralluogo per valutare l’entità del problema e alla realizzazione di un preventivo gratuito al cliente. Una volta che quest’ultimo decide di avvalersi della professionalità degli operatori di Disinfestazione.co inizia la fase di monitoraggio per vedere esattamente dove la blatta nera si nasconde, depone le uova e trova il cibo per sopravvivere.

Valuta anche le condizioni degli ambienti che hanno favorito l’infestazione e lo sviluppo e mette in atto interventi adeguati per debellarle e non farle tornare più.
La lotta alle blatte avviene con mezzi e metodologie divese caso per caso, comunque basati su piani di lotta legati alle strategie dell’ IPM (Integrated Pest Management) e dell’HACCP (Hazard Analysis and Critical Control Point). Una volta eseguiti i trattamenti delle zone infestate con trappole e insetticidi, passa alla fase finale di controllo per valutare che le blatte sia sparite e non vi siano defezioni, uova o altri segnali che indicano la loro presenza.

Tags: